Racconti e Progetti

3050 copie vendute!

 

Men on men Vol.3 (Mondadori)

A Family è il racconto col quale ho esordito. L'ho scritto con due idee in testa: quella di far sorridere il lettore e quella di lanciare un messaggio "politico": il mondo nel quale viviamo non è il migliore dei mondi possibili. C'è di più, c'è dell'altro, c'è di meglio. Ho cercato di guardare al mondo gayo con un'ottica etero, parlando di problemi comuni a milioni di coppie (se non tanto l'adozione, di sicuro il latte di proseguimento e l'iscrizione del figlio all'asilo). Ho cercato di non avere un tono consolatorio né di "andare sul sicuro", introducendo esplicitamente e implicitamente concetti alieni alla frocerie romana o italica. Ho cercato, con ironia, di scardinare alcuni cliché di quel mondo e ho provato a usare categorie universali per raccontare un particolare molto particolare. A voi il giudizio sul risultato...

 

Scarica la prima pagina di A Family (39 Kb)


Troppo giovani per vivere

 

Troppo giovani per vivere è il mio primo testo per il teatro. Si tratta di una tragicommedia in atto unico, che narra le vicende di quattro giovani ventenni sbarcati nella grande Roma dalla provincia. Si ritrovano per caso a convivere in un'unico piccolo appartamento, mentre fuori la città fa di tutto per intimidirli.
Troppo giovani per vivere non è ancora stato mai messo in scena.

Fino a qui tutto bene

 

Fino a qui tutto bene è una folle raccolta di proesie, che sono quella che per me è una via di mezzo tra la prosa e la piccola proesia. Non ne ho mai voluto proporre la pubblicazione e penso che mai lo farò, almeno sinché conserverò un briciolo di decenza... La raccolta copre gli anni dal 1989 al 2000.

Scarica "Amori in autunno" (24 Kb)

Sciltian Gastaldi

Scrivere e insegnare sono le due cose che so far meglio. Beh, almeno tra quelle che si possono raccontare. Ho pubblicato due saggi sul maccartismo, un testo sui diritti dei gay, quattro romanzi e una decina di articoli accademici di cinema, letteratura e storia per riviste scientifiche internazionali. Nel 2015 la Chicago Quarterly Review ha pubblicato la traduzione in inglese dei primi due capitoli del mio romanzo più venduto, il long-seller Angeli da un’ala soltanto, individuandomi come uno degli scrittori italiani contemporanei più interessanti. Peccato se ne siano accorti solo loro. Come giornalista professionista ho vinto un paio di premi nazionali assai ganzi e collaborato a varie testate, sia italiane che canadesi. Siculo-piemontese nato e cresciuto a Roma, penso di essere l’incubo del leghista medio. Non contento della caput mundi, che amo, ho vissuto per quasi dieci anni in Canada e Regno Unito nei panni del tipico “stomaco in fuga”. Ringraziando la riforma della Scuola (ho un altarino votivo raffigurante la ministra Giannini), nel settembre 2015 sono rientrato in Italia come insegnante di Storia e Filosofia per un paio di licei della provincia di Rieti, dove ho trovato degli studenti meravigliosi. Ah, la provincia di Rieti è bellissima, ma questo è meglio non farlo sapere in giro.
More in this category: « I Miei Articoli

Website by Giacomo Giorgi.